Tra sacro e profano

Nella Langa del Sole ogni paese ha la sua chiesa parrocchiale, ogni quartiere la sua confraternita. Ogni frazione una cappella campestre e ogni zona il suo monastero di riferimento. La fede, specie nei secoli medievali, fu baluardo di certezza contro l'incertezza della vita di luoghi aspri e selvaggi, originale e primigenia azione civilizzatrice di un'area che fu a lungo pagana e barbara – abitata da popolazioni di origine ligure - dove ancora oggi sacro e profano convivono e si spartiscono la meraviglia di una natura incontaminata, tra devozione e contemplazione.

Partendo da Castino, paese dei tre monasteri, sede di uno dei complessi monastici più antichi e affascinanti di tutta la Langa del Sole (il Monastero di San Martino), perdetevi sulle colline utilizzando come unica bussola i campanili delle pievi e delle cappelle campestri, che ancora oggi spuntano come monumenti di luminosa pietra tra il verde cupo e misterioso dei boschi. Alcune hanno origine antichissima, risalgono ai secoli "bui" dell'Alto Medioevo, quando i confini tra fede e paganesimo, tra antichità romana e nuove popolazioni germaniche, non erano così invalicabili.

Molte cappelle campestri e pievi furono edificate in luoghi prima sacri agli dei, sostituendo ancestrali tradizioni che, nella Langa del Sole, hanno sempre connesso la terra al cielo come atto di fede, meraviglia, timore e gratitudine verso una Natura austera e imprevedibile, madre e matrigna di ogni cosa, decisiva nello scandire tanto i tempi della vita, quanto quelli della morte.

Il monastero di San Martino

In età medievale fu intensa la vita religiosa di Castino e dintorni. Sono da segnalare ben tre complessi monastici: Santa Maria delle Grazie, in località San Bovo, posto su uno dei tracciati che portava verso Alba; un secondo, benedettino, situato al centro del paese, di fronte alla parrocchiale di Santa Margherita, tutt’ora in buone condizioni e oggi destinato ad uso residenziale; infine il complesso di San Martino, fuori dal nucleo abitato, posizionato al centro di fertili piani. San Martino, in particolare, rivestì una certa importanza: di dimensioni non indifferenti, la data di costruzione è imprecisata, ma potrebbe essere anteriore al XII secolo. Di questa architettura sono ancora presenti due corpi absidali in pietra, con monofore tipiche del romanico, e parte della torre campanaria.

Esplora

ALTRE ESPERIENZE

Esplora

ALTRE DESTINAZIONI

Bosia

Castino

Lequio
Berria

Trezzo
Tinella

Albaretto
della Torre

Arguello

Benevello

Bossolasco

Cerretto
Langhe

Diano
d'Alba

La Morra

Mombarcaro

Montelupo
Albese

Niella
Belbo

Paroldo

Rodello

San Benedetto
Belbo

Serralunga

Serravalle
Langhe